E’ rientrato a fine agosto il gruppetto che ha partecipato al campo di lavoro e amicizia in Burkina Faso. Tutto è andato bene, nonostante la preoccupazione per la situazione internazionale che aveva portato alla rinuncia della partenza di alcuni partecipanti. Un’abbondante stagione delle piogge quest’anno fa ben sperare per i raccolti. I campisti sono stati impegnati in alcuni lavoretti all’interno della missione di Nanoro, oltre che all’animazione dei bambini e dei ragazzi.

Hanno prestato inoltre la loro opera presso l’ospedale dei Padri Camilliani. Il viaggio è stata inoltre un’occasione per vedere l’avanzamento di alcuni progetti (in particolare il triage all’ospedale di Nanoro ed il reparto dei malati infettivi), la felice conclusione di altri (terzo Centro di Accoglienza Sacra Famiglia per studentesse di Medicina a Saaba, progetto alfabetizzazione donne in cinque villaggi) e per mettere la base di progetti futuri (sempre lunga la lista delle richieste di pozzi e pompe Volanta, oltre che la costruzione di depositi d’acqua e attrezzature varie prodotti nella efficientissima officina di Saaba).

L’esperienza si è arricchita dei numerosi incontri con le varie Comunità dei Fratelli della Sacra Famiglia burkinabè che hanno trasmesso come sempre la loro calorosa accoglienza e la dimensione familiare che caratterizza lo spirito dell’Istituto.

_MG_1206_MG_0084_MG_0097_MG_0223_MG_0230_MG_1283_MG_9765_MG_977620160815_111403_MG_0518_MG_0495IMG-20160831-WA0001