Quando arriviamo, la mattina del 4 gennaio a Koulou, troviamo ad attenderci tutto il villaggio. In particolare i bambini e le bambine della scuola elementare per un totale di 324 allievi. Le classi prima, seconda e terza sono sistemate sotto un tetto di paglia sostenuto da un muro in “bancò” (argilla mista a paglia) la più parte ormai caduto o spezzato dal tempo e dalle intemperie. La Provvidenza ci ha permesso di andare oltre le nostre previsioni e così è giunto il momento di porre la prima pietra della nuova scuola. I genitori degli allievi hanno tracciato e scavato le fondamenta ed alla loro presenza, dei maestri, del direttore della scuola, dell’ispettore regionale dell’istruzione, del capo villaggio, dei campisti, dei fratelli Julien e Romain, fratel Albino ha posato a nome di tutti noi la prima pietra! La popolazione tutta ha condiviso questo momento particolare. Genitori e popolazione stanno lavorando alacremente per produrre i mattoni e proseguire i lavori. Prossimo appuntamento l’inaugurazione della scuola.

La gioia non è terminata. Subito dopo abbiamo inaugurato la pompa Volanta che ha appena sostituito una vecchia e non funzionante pompa indiana sul pozzo che fornisce acqua non solo alla scuola, ma a tutto il villaggio.