Eravamo tanti, veramente tanti, sabato scorso 30 novembre, a Villa Brea, alla cena di solidarietà organizzata, come da anni in prossimità del Natale, dal CAM SAFA.

Nel mese di ottobre giungeva una telefonata dall’allora Provinciale Fr. Sylvain Zoungrana che lanciava un appello a favore della popolazione del Burkina provata da ripetuti atti di terrorismo che costringono sempre più gli abitanti dei villaggi colpiti a lasciare le abitazioni e a mettersi in cammino verso il centro del Paese. Si calcola che entro Natale i rifugiati saranno più di 650.000.

Abbiamo così deciso di organizzare (oltre l’invio di due container straordinari) la tradizionale cena di solidarietà per rispondere a tale appello. E’ il momento di non dimenticare il Burkina Faso; è il momento di dimostrare con gesti concreti di solidarietà il significato di FRATERNITÀ aiutando coloro che sono a fianco della popolazione ad essere strumenti ed artefici di speranza.
Giorgio La Pira consigliava: “Quando andate a letto la sera, tenete sul comodino un mappamondo, con il Vangelo”.

Facciamolo, cercando il Burkina Faso!